WELCOME TO MY PAGE!

"Ue’!
E fermete nu momento
e vevimmece nu cafè” (Hei, opreste-te un moment sa bem o cafea)

martedì 23 febbraio 2010

Jammo Ja

Andiamo dai guadagniamoci il pane
Noi abbiamo il sudore nelle mani
E sappiamo cambiare
Andiamo dai e facciamo presto
Sotto a quest'Italia dello smog e dello stress
Noi siamo i furbi che devono essere ingannati
Siamo nati con due destini
Siamo la notte e siamo la mattina
Siamo rose(nord) e siamo spine(sud)
Ma siamo rami dello stesso giardino(Italia)
Meridionale
Siamo terra piena di mare
che nessuno può capire
Stiamo bene o stiamo male
Andiamo avanti così
Il lavoro è un regalo
e la speranza è partire...
Andiamo dai e diamoci la mano
Se stiamo insieme possiamo andare lontano
Non si può più aspettare...
Andiamo dai che questa vita va di fretta
Noi siamo la casa di baci e carezze
Ma fa notizia solo la spazzatura...
Con questa mafia con il mandolino
che ci hanno sempre messo addosso (a cui ci hanno sempre attribuito)
Siamo la faccia di una cartolina
Che ci svende per tutto il mondo..
Meridionale
siamo voci in mezzo al mare
che nessuno vuole sentire
siamo l'erba bruciata
che non si sa mai da chi...
Siamo lo specchio di un'autostrada
che non vogliono mai finire..
Dove il vento abbraccia il mare
troppi sono i pensieri...
E chi cresce con il pane amaro
è un italiano straniero...
Se la giustizia se ne lava le mani
Bianche sono le bandiere...
E chi mai possa pensare a domani
nasce prigioniero...
Siamo nati con due destini
siamo la notte e siamo la mattina
siamo rose e siamo spine
ma siamo rami dello stesso giardino..
Meridionale
siamo terra piena di mare
che nessuno può capire
stiamo bene o stiamo male
andiamo avanti così
il lavoro è un regalo
e la speranze è partire...
I ragazzi dei vicoli di Napoli
non saranno mai Re
Nello zen di Palermo (quartiere siciliano in forte degrado) si bevono il tempo
per la sete di sapere...
e non è mai facile dormire con i perchè...
VIVERE CON LA PAZIENZA E' IL PIU' GRANDE EQUILIBRIO
PER CHI PUO' CADERE...

lunedì 22 febbraio 2010

Carnevale napoletano

Capitala carnavalului italian e Venetia si merita vazut; la Napoli se imbraca in costume mai mult copiii, se sarbatoreste in cercuri mai restranse (la nivel de cartiere, scoli, parcuri) intr-un an am nimerit la Palatul Regal unde Mara era regina iar turistii se inclinau in fata ei "sua maestà" :-)). In orice caz e o sarbatoare care nu trece neobservata iar pentru copii ramane o amintire placute. Costumele sunt cumparate in general (sunt si care le fac de mana, iar in scoli profesorii sunt cei care se ocupa si de costume pentru sarbatorile scolare) sau se inchiriaza, de obicei e greu sa nu gasesti ceva pentru buzunarul oricui.
Muzica, dans, comicii strazii, circ, teatru, papusari, cam acestea ar fi "ingredientele". In video-ul de mai jos amintiri si din anii trecuti, o veti vedea si pe Mara. Vizionare placuta!

sabato 20 febbraio 2010

Omenie napoletana

Cu ani in urma am fost sunata de un profesor roman din Baia Mare; venise cu un grup de elevi de liceu la un concurs de teatru la Napoli. Aveau cazare si tot dar totusi organizarea mai lasa de dorit. Am participat la spectacole si erau cu adevarat foarte buni.
Era duminica; le-am promis sa-i duc la Caserta, un loc deosebit la 30 de minute cu masina de Napoli. Problema era insa cu masa. Nu aveau masa..duminica!!!
Am sunat una din cumnate duminica dimineata: "vezi ca la pranz vin cu un grup, vom fi 12"; imi raspunde cumnata: "pai nu puteai sa-mi zici mai repede?" iar eu: "nu, ca e pe nepregatite tot". Ce credeti, ca s-a speriat "napoletana" de 12 persoane necunoscute + familia ei? Nuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu. A zis simplu si repede: "ok".
Dupa plimbarea noastra la Caserta care a placut enorm si profesorilor si copiilor am venit la masa de pranz la cumnata-mea...nu va zic ca am fost asteptati cu de toate, paste cu sos, carne, carnati cu friarielli, peste la cuptor, inclusiv dulciuri. Cumnata facuse ea ce facuse si se descurcase de minune! Si asta e doar un exemplu de omenie napoletana, din partea unei femei simple, fara multa carte dar harnica si sigura de ea. Si mai ales foarte sufletista!

domenica 14 febbraio 2010

Posilippo by night






Posillipo (Pusilleco in napoletano) è un sobborgo residenziale collinare della città di Napoli, frazione fino al 1925 e solo da allora integrato amministrativamente come quartiere.

Il suo nome deriva dal greco Pausilypon che letteralmente significa "pausa dal dolore", denominazione legata al panorama che si godeva anche duemila e cinquecento anni fa da questa zona di Napoli. Sulla punta di capo Posillipo si trova il Parco sommerso di Gaiola, istituito nel 2002 congiuntamente dai Ministeri dell'Ambiente e dei Beni Culturali, nelle acque che circondano gli isolotti della Gaiola, si estende dal porticciolo di Marechiaro alla Baia di Trentaremi, con finalità di protezione sia Archeologica che Ambientale. La collina di Posillipo è attraversata da tre strade principali quasi parallele: via Posillipo che corre parallela alla costa da Mergellina fino a capo Posillipo, via Francesco Petrarca (già "via Panoramica") in posizione più elevata con caratteristiche vedute sul golfo di Napoli e sul Vesuvio e via Alessandro Manzoni (già "via Patrizi"). Altra arteria importante è Via Orazio che, passando per via Petrarca, collega Mergellina col rione di "Porta Posillipo", nella parte alta del quartiere. In questa strada c'è il belvedere dove fino agli anni novanta si trovava il famoso pino di Napoli, simbolo dell'oleografia napoletana del XX secolo, oggi non più presente perché abbattuto.

Luna che si specchia sul mare di fronte via Posillipo

In particolare, a Via Petrarca, il comune dovette istituire un servizio di vigilanza perché gli automobilisti alla guida rallentavano in maniera consistente per poter guardare il panorama, intasando così il traffico veicolare. Il problema fu risolto istituendo dei parcheggi ed una lunga terrazza panoramica. [1].

Nel quartiere di Posillipo si trovano diversi villaggi: Villanova di Posillipo (ovvero Porta di Posillipo), Casale di Posillipo, Santo Strato, e il più conosciuto di tutti Marechiaro.
Vi sono inoltre numerosi monumenti e località di interesse storico-artistico: il Parco Virgiliano (già Parco della Rimembranza); importanti ville sul mare come Villa Rosebery, residenza estiva del Presidente della Repubblica italiana; costruzioni romane (tra cui la villa di Publio Vedio Pollione) che permettevano, attraverso una galleria detta Grotta di Seiano, di raggiungere i porti romani di Pozzuoli, Portus Julius e Miseno.

Confina ad ovest con i quartieri di Bagnoli e di Fuorigrotta e ad est con il quartiere Chiaia. A sud affaccia sul golfo di Napoli, appartenente al Mar Tirreno.

14 februarie...tot in alb


Inca frigulet, n-am reusit sa mergem pe-afara azi desi am fi vrut sa-l imbracam pe Manuel si sa-i facem cateva poze in costum de carnaval. Speram maine, poimaine..deocamdata suntem in alb dar numai Vezuviul ;-):

venerdì 12 febbraio 2010

Vezuviul alb


Si daca la Roma a nins azi, un peisaj rar intalnit in capitala Italiei, la Napoli Vezuviul a fost albit de zapada... Ceva mai frig perioada aceasta decat cum suntem obisnuiti dar nu ne putem plange fata de alte zone, la 8 era un vant puternic, la 9 cand am iesit eu era o placere sa te plimbi...Acum seara insa e iar destul de rece.

giovedì 4 febbraio 2010

O baie la Sorrento

video

Sorrento

«
Poche città possono incantare la sua veramente incantevole, romantica, deliziosa, e quanto mai amenissima situazione, quale non può esprimersi con poche parole; anche per ridente e leggiadrissimo promomtorio del suo nome celebre, come per la sua purissima e saluberrima aria, onde fu appellata naturae miracolo e altamente rinomata. »
(Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica - Sorrento, vol. p. 233, 18)
















E una din localitatile turistice cunoscute din zona, la o ora cu trenuletul din Napoli sau se poate ajunge si pe mare. Cine are masina evident o ia pe autostrada, de luat in considerare parcarea destul de scumpa in general mai ales vara.
Aici ne petrecem luna iunie cand suntem in zona, o mare curata, superba,frumoasa, multi straini vin deja de timpuriu la baie, majoritatea americani, japonezi.
Faimos in intreaga lume si cantecul dedicat acestui splendid loc, "Torna a Surriento", scris de Ernesto de Curtis (si fratele- versurile) si prezentat la Sarbatoarea Piedigrottei in 1905; de aici a avut un enorm succes, devenind unul din cantecele napoletane cel mai cunoscut.


lunedì 1 febbraio 2010

Iarna la Napoli si...Napoli



Despre Napoli se spun multe...dar se si exagereaza enorm. Citisem pe un blog al unui roman care fusese doar cateva zile in zona ca orasul e "extrem de murdar" si ca "nu are maretia Romei sau romanticismul Venetiei"...Si deci..merita de vazut daca reusesti sa "sari" peste aceste lucruri. Eu nu-mi dau seama unde a vazut el "extrem de murdar" ca-n centrul istoric a fost mereu curat ori de cate ori am trecut pe-acolo....as putea spune ca pe la periferii mai poti gasi/nimeri mizerie dar si aici se face mereu curat.
Cand incepi sa cunosti si sa intri in mentalitatea de aici, iti dai seama si de ce napoletanul e mai putin "atent" la anumite norme care oricum ar trebui sa fie respectate. Si raspunsul e ..tocmai firea nepasatoare si fara griji a napoletanului (in general) il determina sa nu se gandeasca de doua ori cand are o hartie in mana si nu vede un cos unde s-o arunce...
Desigur nu e un comportament de invidiat dar asa e ..napoletanul, sau mai bine zis o parte din ei. Si in ciuda acestui fapt/sau poate chiar de asta :-)) tocmai acest napoletan asa mai "mizer" e cel care e mai vesel, plin de viata, cu un bun simt al umorului, se trezeste cu "soarele in frunte" si se gandeste: "ia sa vedem, ce mai aduce ziua de azi" :-))
P'orma se vorbeste despre delincventa...sa stiti ca nu e mai multa decat in orice oras mare...iar strainii aici sunt destul de cumintei cel putin comparativ cu gramada de romani din Roma care fac multa mizerie in multe cartiere (eu am vazut unul, cu ani in urma era numai vile si curatenie, cu venirea romanilor...lasa mult de dorit din pacate!). Romani aici sunt destul de putini si in general bine integrati (personal cunosc doar romani bine asezati aici, e drept ca-s putini) si nu se prea aude vorbindu-se despre ei.
Si ca dau un exemplu, in cei 15 ani de cand stau aici, nu m-a furat niciodata nimeni, chiar uitand masina deschisa (cu toate cumparaturile in ea) sau plimbandu-ma deseori prin centru de una singura cu geanta, aur, ceasuri etc. Evident, noaptea de una singura nu ies, (ca nici n-as avea ce face singura!), doar cu prieteni sau rude.
Napoli e unic in felul sau, asa cum Roma e unica in felul ei si n-as putea compara cele doua orase, la fel Venetia e deosebita si nu m-as hazarda sa scriu ca un oras e mai frumos ca altul (eu le cunosc pe toate trei, adica am stat chiar perioade in aceste trei orase).
Probabil fata de cele doua aici se simt mai bine contrastele, e un oras mare, sa nu uitam (al treilea dupa Milano si Roma) si are centrul istoric cel mai vast din Europa si cu particularitatea ca pastreaza perfect planul stradal antic grecesc.
De la frumuseti deosebite si privelisti nemaiintalnite, panorame care-ti taie respiratia, mare, deal, strazi care urca, coboara, strazi largi, stradulete stramte, parcuri pretutindeni, mici si mari, muzee, biserici, vile si capele particulare...sunt atat de multe de vazut ca intr-o viata de om n-ai putea sa te plictisesti aici.

Cand nordul Italiei era inghetat ( si de fapt e), aici era/e placut, chiar bine de o plimbare
Pozele sunt facute duminica trecuta, cand a fost o zi superba, cu mult soare, si vedeti si voi din poze cata lume a iesit la plimbare si ...daca e curat sau ba pe unde sute de napoletani se plimbau:

sute de persoane la plimbare prin centru, Mergellina


pescarii intorsi cu peste de vanzare

panorama

"guarda il mare quant'è bello!"

o zi superba!