WELCOME TO MY PAGE!

"Ue’!
E fermete nu momento
e vevimmece nu cafè” (Hei, opreste-te un moment sa bem o cafea)

venerdì 28 ottobre 2011

Sophia Loren - Tu vuo fa L´Americano

Grotta Azzurra - Capri Island - Pestera albastra de la Capri

Ca sa vedeti ce voce frumoasa au "gondolierii" de la Capri :))
Pentru cine nu stie, una din bijuteriile din zona, insula Capri si pestera de aici, numita albastra pentru culoarea extraordinar de albastra din pestera...De fapt si marea la Capri e deosebit de frumoasa, de albastra....cum numai la Capri o puteti vedea ;-).

martedì 25 ottobre 2011

Che bella cosa è una giornata di sole!

Azi dimineata iesind in parc (obicei reluat cu inceperea scolii) ma simteam exact ca in cantecul - imn italian/universal as spune ;-) - "O sole mio" : "Che bella cosa è una giornata di sole
quando l'aria è serena dopo la tempesta
per l'aria fresca tutto sembra una festa
che bella cosa è una giornata di sole." 
Tradus ar fi cam asa: "ce frumos lucru, o zi de soare/ cand aerul e senin dupa furtuna/ cand vremea e senina totul pare o sarbatoare/ ce frumos lucru, o zi de soare". 
Desigur in italiana suna mult mai bine, cosa si lucru parca nu ar fi sinonime :))
In engleza ar suna cam asa: "What a wonderful thing a sunny day
The serene air after a thunderstorm
The fresh air, it  seems a party is already going on…
What a wonderful thing a sunny day."

Si cam asa a fost: aerul proaspat dupa ploaie, copacii inca plini de apa dar pasarile cantand bucuroase de soarele cald care incepuse sa le mangaie cu razele sale...eu cu fata la soare asteptand aceeasi mangaiere...
O zi cu soare e un cadou de la cer si de ce nu, chiar o sarbatoare... :)

Ca fapt divers se poveste ca in 1920 in timpul unei premieri la Olimpiada de la Anversa, in prezenta regelui Belgiei, Alberto, grupul muzical pierduse "imnul italian -Marcia Reale
Ca sa iasa din incurcatura, directorul orchestrei a dat ideea cantecului "O sole mio" pe care toti il stiau pe dinafara. A fost un succes, orchestra fiind acompaniata de corul celor prezenti :))

Pare che nel 1920, durante la premiazione del marciatore milanese Ugo Frigerio alle Olimpiadi di Anversa, alla presenza di re Alberto del Belgio, la banda che doveva eseguire l'inno italiano avesse perso lo spartito della "Marcia Reale".
Per cavarsi d'impaccio, il direttore passò voce ai suonatori di suonare 'O sole mio, da tutti conosciuta a memoria, e immediatamente l'esecuzione venne seguita a gran voce dagli spettatori dello stadio.


TESTO ORIGINALE IN NAPOLETANO

Che bella cosa na jurnata 'e sole,
n'aria serena doppo na tempesta!
Pe' ll'aria fresca pare gia' na festa
Che bella cosa na jurnata 'e sole.
Ma n'atu sole
cchiu' bello, oi ne'.
'O sole mio
sta 'nfronte a te!
'O sole, 'o sole mio
sta 'nfronte a te,
sta 'nfronte a te!
Lùcene 'e llastre d''a fenesta toia;
'na lavannara canta e se ne vanta
e pe' tramente torce, spanne e canta
lùcene 'e llastre d'a fenesta toia.

Ma n'atu sole
cchiu' bello, oi ne'.
'O sole mio
sta 'nfronte a te!
Quanno fa notte e 'o sole se ne scenne,
me vene quase 'na malincunia;
sotto 'a fenesta toia restarria
quanno fa notte e 'o sole se ne scenne.

Ma n'atu sole
cchiu' bello, oi ne'.
'O sole mio
sta 'nfronte a te!
TRADUZIONE IN ITALIANO

Che bella cosa una giornata di sole,
un'aria serena dopo la tempesta!
Per l'aria fresca pare già una festa...
che bella cosa una giornata di sole!
Ma un altro sole
più bello non c'è
il sole mio
sta in fronte a te
Il sole, il sole mio,
sta in fronte a te
sta in fronte a te
Luccicano i vetri della tua finestra,
una lavandaia canta e si vanta...
mentre strizza, stende e canta.
luccicano i vetri della tua finestra!
Ma un altro sole
più bello non c'è
il sole mio
sta in fronte a te
Quando fa sera e il sole se ne scende,
mi viene quasi una malinconia...
Resterei sotto la tua finestra,
quando fa sera ed il sole se ne scende.
Ma un altro sole
più bello non c'è
il sole mio
sta in fronte a te

Si sa nu uitam de interpreatarea exceptionala a lui Presley:

domenica 23 ottobre 2011

Vreme buna sau?

Urma sa am musafiri perioada aceasta dar....vremea ne speriase :(  Dupa furtuna de la Roma se anuntase una si la Napoli, a venit ea dar a durat exact o noapte (de fapt ca si la Roma) joi spre vineri, a facut din cate am inteles ceva pagube la Pompei (unde s-a mai daramat.. o cladire daramata) dar in oras vineri-sambata-duminica a fost o vreme superba, soare, cald, de mers chiar la mare...Pacat ca am fost...pacaliti si uite asa nu am revazut o prietena din copilarie pe care cu mare drag as fi vrut s-o revad. Desigur, sper sa fie data viitoare. Inchei cu niste imagini splendide gasite insa pe web, Napoli asa cum ne face ea sa visam:

giovedì 13 ottobre 2011

A NAPOLI LA PRIMA EDIZIONE DEL TROFEO CAMPANIA

Noutatea acestui an, prima editie a jocurilor olimpice campane... Eveniment sportiv de mare amploare, considerand ca a cuprins mai mult de 30 de discipline sportive, printre care si voleiul . Din cate am inteles a fost dedicat atletilor U16, adica sub 16 ani. Am fost chemati practic din septembrie, la inceput, antrenamentele cu echipa Napoli (unde Mara a jucat deja 2 ani) au inceput imediat. Perioada a fost 7-9 octombrie, s-a jucat totul intr-o zi, pe 7 deschiderea festiva, au participat sportivi din cele 5 provincii napoletane (Napoli, Caserta, Avellino, Benevento, Salerno), autoritati locale, grupuri de dansatori, trapezisti, karatisti, pizzaiuoli, militari. 
A prezentat giornalistul RAI Gianfranco Coppola si cantareata Zaira Montico. Momente mai emotionante au fost cantarea imnului, aprinderea focului olimpic (de catre doi sportivi olimpici, Imma Cerasuolo, aur la inot, Atene 2004, si Pino Maddaloni, aur la  judo , Sydney 2000) si finalul-surpriza, fantani luminoase dansante.
Trofeul - o splendida sculptura, facuta de artistul casertan Battista Marello, capodopera care reuneste simbolurile regiunii si ale celor cinci provincii; ( in una struttura a forma di vite, che con i suoi tralci unisce, in ottone e bronzo, le pietre tipiche (la lava del Vesuvio per Napoli, il travertino di Bellona per Caserta, il Rosso di Vitulano per Benevento, la Breccia Irpina per Avellino, l’Argilla cotta di Ogliara per Salerno), evidenziando nello stesso tempo i cinque cerchi olimpici miscelati al tricolore in omaggio ai 150 anni dell’unita’ d’Italia.)